Video per Adulti, MindGeek Introduce un Sistema di Verifica sull'Eta' per i Siti VM18
Inviato da Segret69 18 maggio 2017 alle ore 12.43
Il governo britannico, con un provvedimento incluso nel Digital Economy Act 2017, ha richiamato l'attenzione sulla necessita' di creare barriere piu' severe per l'accesso ai siti contenenti materiale per adulti.

Stando alle ultime statistiche, i minorenni sono tra i maggiori fruitori di contenuti per adulti su Internet, dagli otto o nove anni in poi. Questi i dati che hanno messo in allarme le autorità inglesi.

MindGeek, colosso multinazionale nel mercato per adulti e proprietario di marchi del calibro di Playboy, Brazzers e Pornhub, ha fatto sapere che a breve su tutti i suoi siti web presenti nel Regno Unito sarà attivo un sistema elettronico in grado di controllare in maniera efficace l'età degli utenti.

Tale sistema, che si chiamerà "AgeID", verificherà l'età reale di ciascun utente online tramite il passaporto digitale o il telefonino. Inoltre, AgeID potrà essere adattato ed utilizzato anche in altri paesi e per altri siti.

I difensori della privacy hanno manifestato le loro perplessità su AgeID, in quanto potrebbe costituire uno strumento in più nelle mani degli hacker. Gli ideatori del software hanno rassicurato che AgeID non è in grado di conservare dati sensibili e che il suo unico scopo è quello di verificare l'età dei consumatori.

Nel frattempo, anche oltre oceano stanno emergendo esigenze che vanno nella stessa direzione. Il pornoattore James Deen, infatti, ha dichiarato in una delle sue recenti interviste, che vorrebbe che i siti per adulti fossero inaccessibili ai minori.

"E' chiaro che non basta cliccare sul testo "Sì, sono maggiorenne" per poter entrare in un sito per adulti e lo dico sapendo che i minorenni rappresentano una grossa fetta del mercato dell'adult entertainment.", ha ribadito Deen conscio del paradosso.

In effetti si tratta di un grosso dilemma, condiviso anche da altri operatori del mercato dell'adult americano.

Quando però si tratta di proteggere i bambini dall'esposizione di contenuti non adatti, è giusto riflettere adeguatamente e trovare soluzioni valide.

0
COMMENTA