Registe Hard Donne, é Vero Porno Femminismo?
Inviato da Segret69 27 settembre 2012 alle ore 10.18
Chi, tra le donzelle, non ha mai visto un film (o uno spezzone di film) porno alzi la mano! E soprattutto chi di voi non ne é rimasta piuttosto schifata, o comunque interdetta, o contrariata...?

 

Immagine: Greg Miller

 

 

Sì perché il cinema hard e, più in generale, le produzioni di film porno, sono da sempre di dominio maschile: i film sono fatti dagli uomini ad uso e consumo degli uomini.

In questi film le donne, dai look improbabilmente provocanti e straripanti di silicone, sono sì le protagoniste, ma il loro ruolo solitamente relegato a quello di spettatrici passive il cui unico compito é quello di soddisfare a tutti i costi (anche contro il loro stesso volere) il desiderio maschile. E qui gli orgasmi (finti) si sprecano, anche in momenti drammatici in cui sono rappresentate scene di violenza.

É quindi sacrosanto e normale che la maggior parte del pubblico femminile si ritragga, o comunque si dimostri restio e critico nei confronti di questo tipo di cinema. Perché il tipo di donna rappresentato di solito in questi film non ci appartiene.

Forse però non tutte sanno che ci sono anche parecchie registe donne che girano film a luci rosse e  che spesso sono state definite, più o meno correttamente, come porno femministe, in quanto con i loro film mettono in discussione il controverso cliché della donna-oggetto, ancora tanto caro ai maschietti spettatori di video porno.

Questo perché in tutto il mondo la domanda di contenuti audiovideo female-friendly é in continua crescita

L’esistenza di un youtube del porno esclusivamente dedicato alle donne, For Her Tube, é solo uno fra i tanti e possibili esempi.

Inoltre vari eventi a tema confermano questa tendenza, tra quelli più rilevanti c’é il Lady Porn Day, giornata online dedicata al dialogo tra donne sulla pornografia e sulla masturbazione, ed il Feminist Porn Award, cerimonia annuale che dal 2006 premia i migliori film hard per il pubblico femminile.

Ecco, appena si pronuncia la parola femminismo ci si aspetta di vedere delle racchie e bacchettone vestite da suore, tutto tranne che sexy ed arrapanti, l’antitesi del porno insomma...

E invece no: queste registe non solo sono donne consapevoli della loro sensualità femminile, ma riescono a trasporla nei loro film, tanto da aver creato un vero e propiro genere: il porno girato dalle donne e per le donne.  

La capostipite di questo esercito di sirene (o amazzoni?) armate di telecamera é Candida Royalle, statunitense di origine irlandese che ha cominciato come attrice hard negli anni ’70 e ha firmato il suo primo film “Femme”, come regista, nel 1984. Ad oggi Mrs. Royalle ha all’attivo 15 film, oltre ad una linea di sex toys femminili creati da lei. Il fil rouge dei film di Candida é una trama romantico-sentimentale e la passione fisica, il tutto condito con scene indiscutibilmente esplicite.

Tristan Taormino, anche lei americana, é un’altra regista impegnata in prima linea per la creazione e la promozione di un porno per il pubblico femminile. Nei suoi film la donna é attiva, frizzante ed alternativa e non fa nulla che non le vada di fare. Taormino é anche sessuologa e spesso é invitata a tenere corsi nelle università (questo accade in America, ovvio, ve la immaginate una regista di film osé che in Italia siede in cattedra al posto dei baroni universitari?).

Poi c’è la britannica Anna Span, che con la telecamera declina i sogni erotici femminili e le sue protagoniste sono donne vere, cioè dalla bellezza genuina ed autentica. Il che non significa chiattone o scorfani, ma donne che pur con le loro lievi imperfezioni estetiche hanno un’avvenenza ed una carica erotica degna delle pornostar più blasonate!

Anche la bolognese Susi Medusa Gottardi, artista poliedrica, eclettica e visionaria, gira e produce film da un punto di vista femminile, anche se principalmente in chiave BDSM e FemDom, dove la donna é, lo dice il nome stesso, domina e padrona.

Infine non si può non parlare della svedese Erika Lust che, con la sua casa di produzione a Barcellona, la Lust Film ed il suo stile sofisticato e sperimentale ha vinto numerosi riconoscimenti, influenzando sensibilmente il porno al femminile degli ultimi anni.

A tutte quelle grrrls che fino a ieri pensavano che il porno fosse solo robaccia per maschi arrapati, sappiate che, cercando bene, nei siti giusti ovviamente, si possono trovare cosine molto interessanti e soprattutto stuzzicanti anche per noi...

 

 

 

  

0
COMMENTA