AAA Gigolò Cercasi
Inviato da Segret69 23 aprile 2010 alle ore 14.46
Un particolare del quadro di Lawrence Supino intitolato "Gigolo", immagine: fineartamerica.com.   In questo lungo articolo la giornalista australiana Mary-Anne Toy esordisce sostenendo che pagare per fare sesso non è più una prerogativa soltanto maschile. Non solo. Toy approfondisce l'argomento riportando il caso di una giovane trentenne che, dopo aver "provato" uno gigolò, decide, insieme ad un'amica, di fondare un'agenzia esclusiva di gigolò: My Male Companion.

 

Un particolare del quadro di Lawrence Supino intitolato "Gigolo", immagine: fineartamerica.com.

 

In questo lungo articolo la giornalista australiana Mary-Anne Toy esordisce sostenendo che pagare per fare sesso non è più una prerogativa soltanto maschile.

Non solo.

Toy approfondisce l'argomento riportando il caso di una giovane trentenne che, dopo aver "provato" uno gigolò, decide, insieme ad un'amica, di fondare un'agenzia esclusiva di gigolò: My Male Companion.

Morale della favola: questo servizio è utilizzato da centinaia di donne in tutta l'Australia, sebbene, stando alle dichiarazioni delle titolari, un 40% dei servizi utilizzati non richieda sesso, ma più che altro la "compagnia" maschile. 

Le due proprietarie ricevono continuamente tantissimi curricula di aspiranti gigolò. Così tanti che hanno deciso di fissare un colloquio ogni dieci "candidature" e hanno addirittura fissato una cifra che i potenziali escort devono pagare per poter accedere alla selezione.

 

Fonte: Sundaymorningherald.com.au

 

Chiamale sceme! Comunque, nonostante l'Italia non sia l'Australia, anche qui da noi le cose non sono poi tanto diverse. Infatti, se fate una veloce ricerca su Google, troverete decine e decine di annunci di donne che cercano "accompagnatori". Se poi avete ancora dei dubbi, date un'occhiata a questi film per adulti i cui protagonisti sono proprio degli gigolò!!! ;-)

 

0
COMMENTA